Navigation Menu+

Diapositive e microfoni | EX CIVICO

Posted on Ott 15, 2014 by in Blog | 0 comments

Giovedì scorso abbiamo preso parte ad un talk, una chiacchierata organizzata attorno al tema del racconto dell’identità del paesaggio e dei sistemi di storie che da esso emergono. Eravamo (siamo!) freschi di EX CIVICO #0, la mostra che ha dato il via al nostro progetto di racconto di edifici in disuso nella zona della Saccisica.

L’invito è arrivato da Progetto Morosin, che organizza incontri di formazione, presentazioni ed eventi dedicati a progettisti, architetti e tecnici. “PerCorsi nelle terre di mezzo. L’identità del paesaggio come principio di rigenerazione dell’architettura” è il titolo dell’incontro organizzato all’interno di Casa su Misura presso la Fiera di Padova. Qui, i microfoni allestiti da Progetto Morosin per far parlare i suoi ospiti sull’argomento dell’identità del paesaggio locale erano due: uno offerto all’Officina della Barbabietola e uno dedicato ad un team di architetti.

Da sinistra a destra: Stefania Cavalletto, il curatore Francesco Liggieri e gli architetti Stefano Maria Doardo ed Elena Bregantin.

Il dialogo si realizza attraverso interventi e temi sui quali confrontarsi e scambiarsi opinioni: proprio per questo abbiamo provato a costruire un dibattito che alternasse approcci diversi, frutto di differenti professioni ed esperienze. Da un lato, quindi, il lavoro degli architetti Stefano Maria Doardo, Nicola Fattoni ed Elena Bregantin; dall’altro quello dell’Officina affiancata da Francesco Liggieri, il curatore della mostra fotografica EX CIVICO. Prospetti di storie alterate #0.

Storia, fantasia e limiti, riuso, leggerezza e reversibilità: la discussione è stata avviata e ritmata a partire da questi quattro input, che hanno fatto emergere tanti livelli di lettura attorno al tema comune del paesaggio. Gli strumenti, i lavori, i prodotti, i progetti, le soluzioni e le narrazioni per sentire la vicinanza con un luogo e conoscere il territorio in cui si vive sono molti: per riconoscere il sistema di storie che caratterizza le nostre “terre di mezzo” abbiamo mostrato le foto di capannoni industriali inutilizzati e case in muratura disabitate, ma anche interventi artistici realizzati in città lontane dalle nostre, offrendo immagini che contribuissero a descrivere ambienti e contesti nei quali la potenzialità latente o parcheggiata degli elementi architettonici e del paesaggio circostante è stata espressa e risvegliata attraverso l’arte.

Da sinistra a destra: il curatore Francesco Liggieri e l’architetto Stefano Maria Doardo

Sono tante le forme di comunicazione che contribuiscono alla narrazione dei luoghi che ci circondano e ogni punto di vista ne rende un aspetto: il nostro fotografa facciate che sappiano raccontare una storia che c’era e una storia che può continuare ad esserci, frutto di relazioni stabilite o da stabilire con ciò che c’è intorno. Con questo intento continuiamo il progetto di EX CIVICO, che, dopo il numero zero, vedrà seguire altri capitoli.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *